Archivio tag: Marano

Comprimari: Peppe braciola, Papele ‘e pacci pacci, Tanino ‘e bastimento

Giuseppe Pedana (1918-1979) di Villa Literno, detto Peppe braciola, è un boss della famigerata zona dei mazzoni – nel ’47 uccide il suo rivale Paolo Di Bello e alcuni anni dopo anche il fratello che si voleva vendicare – nel ’63 fa fuori un carabiniere – in carcere fa la conoscenza del giovane Cutolo che inizia alla camorra – nella propria zona mantiene la supremazia fino all’avvento dei casalesi di Bardellino – nel ’79, ricercato per estorsione, si getta da un balcone per sfuggire alla cattura – muore al Cardarelli per le ferite riportate nella caduta

Pedana_1979_StampaPedana02_Unita1979

Raffaele Baiano (1919-1971) detto Papele pacci pacci opera nella zona di Marano ma sembra sia di origini siciliane – nel 1952 è protagonista di uno scontro a fuoco con Alfredo Maisto al quadrivio di Villaricca – viene coinvolto marginalmente nel processo per la morte di Pascalone ‘e Nola – nella campagna elettorale del ’58 viene ricordato come guardaspalle di Adriano Olivetti – muore nel 1971 ucciso da un creditore cui si rifiutava di saldare il debito

Baiano_Unita1971

Gaetano Orlando (1930-1998) detto Tanino ‘e bastimento è cugino dei fratelli Nuvolettacresce a Marano, dove il padre nell’immediato dopoguerra è sindaco del Pci – frequenta il mercato di corso Novara e si avvicina a Totonno ‘e Pomigliano – nel 1955 uccide Pascalone ‘e Nola e resta in carcere fino al ’71 – rimasto legato al clan Nuvoletta, nel ’90 pubblica un libro di memorie – muore nel 1998